La Mediazione Familiare è un intervento di aiuto professionale rivolto ai genitori in fase di separazione e/o divorzio ed è finalizzato a supportare gli ex coniugi nella riorganizzazione delle relazioni familiari con particolare riguardo alla tutela del benessere dei figli.

Cosa Offre

La mediazione familiare offre uno spazio di incontro in un ambiente neutrale dove la coppia genitoriale, con l’ausilio di un professionista adeguatamente formato, potrà giungere a soluzioni condivise e pertanto durature riguardanti la gestione delle difficoltà emotive ed organizzative della separazione e/o del divorzio. Il Mediatore Familiare favorisce la comunicazione e l’ascolto reciproco tra le parti, sostenendo il processo di elaborazione degli accordi, nel rispetto degli interessi dei figli e di ciascun genitore.

A chi si rivolge

La Mediazione Familiare si rivolge alle coppie con figli, coniugate e non, in fase di separazione o divorzio, separate o divorziate, desiderose di collaborare per la gestione e la risoluzione dei problemi e delle difficoltà legate all’evento separativo. Il Servizio offre inoltre consulenza a tutti quei genitori che, anche singolarmente, sentano il bisogno di essere sostenuti nell’affrontare la separazione, il divorzio e la gestione dei problemi inerenti la genitorialità.

Come si svolge

La mediazione Familiare consiste in una serie di massimo 12/15 incontri, condotti da un Mediatore, con ca-denza settimanale o quindicinale, rivolti ai soli genitori.
Quando ricorrere alla mediazione?

Prima o durante la procedura legale per definire le modalità ri-organizzative del nuovo sistema familiare.
Dopo la separazione o il divorzio, quando la situazione si è modificata e/o i bisogni di membri della famiglia necessitano di nuove soluzioni.

Cosa non e' la mediazione

Non serve a rimettere insieme la coppia;
Non impone accordi che non convincono o non siano approvati da entrambi i genitori;
Non è una terapia familiare o di coppia;
Non sostituisce la consulenza legale, né l’iter giudiziario;

Chi e' il mediatore familiare?

è un professionista qualificato con una specifica formazione, esperto in materia, con il compito di aiutare la coppia a riattivare la comunicazione positiva, ostacolata dal conflitto. Ha un ruolo imparziale di ascolto, non detta soluzioni e non esprime giudizi sui genitori. è un terzo neutrale, che suggerisce alla coppia forme di collaborazione, la sostiene nella riorganizzazione della vita sotto i due tetti e nella costruzione di un comune progetto educativo. Il mediatore familiare lavora in autonomia dal procedimento giudiziario e non è tenuto a relazionarsi a terzi, nel rispetto del segreto professionale.